Daria Betocchi

italienisch

RDEČE ROŽE

rdeče rože rastejo v nebesih, senca je na vrtu
luč prodira od povsod, sonca se ne vidi
ne vem kako da je potem senca na vrtu, rosa je v travi
okrog so posuti veliki beli kamni da se na njih lahko sedi

hribi okrog so taki kot na zemlji
samo da so nižji in da so videti čisto prhki
mislim da smo tudi mi čisto lahki in da se komaj dotikamo tal
če hodim se mi zdi da se rdeče rože malo umaknejo pred mano

zdi se mi da zrak diši, da je strašno hladen in žgoč
vidim da prihajajo nova bitja
kot da jih nevidna roka polaga v travo
vsa so lepa in mirna in vsi smo skupaj

nekatere ki plavajo sem v zraku zavrti in jih odtrga
zginejo in jih ne vidimo več in ječijo
zdi se mi da je moje telo v žarečem tunelu
da vzhaja kot testo in da potem prši narazen v zvezde

tukaj v nebesih ni seksa ne čutim rok
ampak so vse stvari in bitja popolnoma skupaj
in drvijo narazen da se še bolj združijo
barve hlapijo in vsi glasovi so kot mehka kepa na očeh

zdaj vem da sem bil včasih petelin in včasih srna
da sem imel krogle v telesu ki jih zdaj drobi
kako lepo diham
imam občutek da me lika likalnik in da me nič ne peče

© Tomaž Šalamun
Aus: Bela Itaka
Ljubljana : DZS, 1972
Audioproduktion: Študentska založba

FIORI ROSSI

fiori rossi crescono in paradiso, il giardino è immerso nell'ombra
sprazzi di luce s'irradiano ovunque, ma non vedo il sole
e non so da dove provenga l'ombra sul giardino, l'erba è bagnata di
                                                                                                    rugiada
e disseminata di grandi sassi bianchi sui quali sedere

le montagne intorno sono simili a quelle terrestri
solo che sono più basse e sembrano molto più lievi
credo che anche noi siamo molto leggeri, quasi fluttuanti,
se cammino i fiori rossi paiono un poco ritrarsi

mi sembra che l'aria profumi, che sia terribilmente fredda e rovente
vedo arrivare degli esseri nuovi
come se un'invisibile mano li adagiasse nell'erba,
son tutti belli e placidi e tutti quanti stiamo insieme

alcuni, aleggiami, sono risucchiati in vortici d'aria e scagliati lontano
scompaiono e non li vediamo più, e loro gemono
mi sembra che il mio corpo si trovi in un tunnel ardente
che lieviti come un impasto e che poi esploda fino alle stelle

qui in paradiso il sesso non c'è non sento le mani
ma tutte le cose e tutti gli esseri si compenetrano totalmente
e si scindono con impeto da folli per poi congiungersi di nuovo
i colori evaporano e tutti i suoni sono come un molle grumo sugli occhi

ora so che un tempo fui gallo e un tempo fui capriolo
che il mio corpo era trafitto da pallottole che si stanno sbriciolando
com'è bello respirare a fondo
ho la sensazione che un ferro da stiro mi stiri, e non mi bruci.

©Tomaž Šalamun
Translated by Daria Betocchi



In: Il ragazzo e il cervo

Salerno : Multimedia Edizioni 2002